Bologna: San Colombano, Collezione Tagliavini (strumenti musicali antichi)


San Colombano 3

Il complesso di San Colombano si compone di una serie di edifici monastici aggregati nei secoli, dal 691 circa al 1591, successivamente sconsacrati. Oggi San Colombano fa parte del percorso culturale, artistico e museale “Genus Bononiae – Musei nella Città”, creato dalla Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna per riaprire al pubblico palazzi restaurati del centro storico. Il progetto, pertanto, si integra e si collega alle strutture istituzionali esistenti quali musei, pinacoteche, realtà socio-culturali ed economiche della città.

I restauri del 2007 hanno riportato alla luce un pregevole dipinto murale duecentesco attribuito a Giunta Pisano e una cripta tardoromana, ma il punto focale di San Colombano su cui desideriamo soffermarci è la vastissima collezione di strumenti antichi (oltre 90!), donata alla fondazione dal compianto Luigi Ferdinando Tagliavini, musicista e musicologo bolognese scomparso nel 2017.

La Collezione Tagliavini vanta una nutrita famiglia di magnifici arpicordi (clavicembali, spinette, pianoforti), due organi, strumenti a fiato, popolari e automatici (carillon e non solo).

La storia della collezione raccontata dal Maestro Tagliavini:

Alcuni esemplari esposti nella prima sala a tre navate (cliccare sulle singole immagini per ingrandirle):

Clavicembalo a tre registri di Giovan Battista Giusti, costruito a Ferrara nel 1679. Nel video seguente il suono eccezionale spiegato dal Maestro Tagliavini (alla tastiera il Maestro Liuwe Tamminga):

Clavicembalo, G.B. Giusti, Ferrara 1679

 

Clavicembalo-pianoforte costruito da Giovanni Ferrini (1746). Lo strumento consente una doppia emissione di suoni: le corde possono essere pizzicate dai plettri per il clavicembalo (tastiera inferiore), oppure percosse dai martelletti per il pianoforte (tastiera superiore):

Lo strumento spiegato e suonato dal Maestro Tagliavini:

‘Accuditi’ dal Maestro Liuwe Tamminga, curatore del Museo, gli strumenti si mantengono vivi e perfettamente funzionanti, consentendo al pubblico di apprezzarne il suono durante gli eventi musicali che qui si svolgono.
Un utile schermo touch screen, inoltre, consente ai visitatori l’ascolto in cuffia di brani eseguiti con diversi arpicordi fra quelli esposti.

Il Maestro Liuwe Tamminga durante la nostra visita:

 

Sala “Silvia Albertoni”: strumenti a fiato e popolari

La collezione vanta anche strumenti a corda come il salterio, l’arpa e il mandolino:

San Colombano, strumenti a fiato e popolari

Sala “Silvia Albertoni” (Foto: Paolo Righi (per gentile concessione di Genus Bononiae)

 

Cappella della Madonna dell’orazione

Le pareti della cappella, adiacente alla chiesa, sono decorate da bellissime opere affidate agli allievi dei Carracci.

Beatrice Cenci e la sua spinetta

La stagione di concerti 2019-20 ha dedicato la serata dello scorso 23 gennaio a Beatrice Cenci (1577-99), la giovane e sfortunata nobildonna che, vittima di continui soprusi e violenze paterni, fu accusata di parricidio e condannata a morte.  La sua spinetta, conservata al Museo, è stata suonata da Anastasia Fioravanti (voce narrante di Sandro Cappelletto).

Spinetta Beatrice Cenci

Foto: Paolo Righi per gentile concessione di Genus Bononiae

 

Oratorio (primo piano)

Alle pareti Storie della Passione di Cristo, un importante ciclo di affreschi della scuola di Ludovico Carracci (1600), fra cui Guido Reni, Francesco Albani, Domenichino, Brizio, Garbieri e Massari.

Sala strumenti automatici “Giovanni Racca”

Concludiamo la bella visita lasciandoci sorprendere da altri oggetti affascinanti, curiosi,  evocativi…

 

IMPORTANTE: è consentito scattare fotografie ma senza l’uso del flash.

 


Un sentito ringraziamento:

  • al Museo San Colombano e al Maestro Liuwe Tamminga per le gentili concessioni a pubblicare le nostre foto e il breve filmato che lo riprende durante la nostra visita;
  • a Genus Bononiae – Musei nella città di Bologna per l’ulteriore contributo fotografico del sig. Paolo Righi.

 

Stefania Ferrini

 



Link esterni:

Calendario eventi a San Colombano (stagione 2019/2020)
Il pianoforte ottocentesco – Musiche di Robert Schumann e Fryderyk Chopin (video)

 

 

 

 

 

Categorie:senza categorie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: